Domanda aggregata

94/120

Si riducono le quote rispetto al Pil sia dei consumi, sia degli investimenti     

UNO SGUARDO D'INSIEME

Le risorse a disposizione di un’economia (prodotto interno lordo e importazioni) possono essere utilizzate per l’acquisto di beni di consumo, essere investite o esportate: consumi, investimenti ed esportazioni sono le tre componenti della domanda aggregata. Questa identità contabile tra domanda aggregata e offerta aggregata è rappresentata negli schemi di contabilità nazionale dal Conto delle risorse e degli impieghi. La somma di spesa per consumi e investimenti definisce la domanda nazionale. In Italia nel 2012 i consumi sono pari all’81,0 per cento del Pil, mentre gli investimenti ammontano al 17,9 per cento. Il peso dei consumi è lievemente superiore a quello riscontrato nella media Ue27, pari all’80,0 per cento del Pil, mentre la quota degli investimenti sul Pil è allineata alla media Ue27.


L'ITALIA NEL CONTESTO EUROPEO

L'ITALIA E LE SUE REGIONI

Scarica la scheda in PDF
Avvertenze


Confronti europei


Componenti della domanda nei paesi Ue


Confronti regionali


Componenti della domanda interna per regione

Domanda interna per regione


Serie storiche


Indicatori della domanda aggregata per regione


Definizioni utilizzate

La spesa per consumi finali è la spesa per i beni e i servizi utilizzati dalle famiglie, dalle istituzioni senza scopo di lucro al servizio delle famiglie e dalle amministrazioni pubbliche per il soddisfacimento di bisogni individuali e collettivi. I consumi finali interni, utilizzati nei confronti regionali, per il settore delle famiglie includono solo la spesa per beni e servizi effettuata sul territorio economico. Gli investimenti fissi lordi sono costituiti dalle acquisizioni di capitale fisso, al netto delle cessioni, effettuate dai produttori residenti durante un periodo di tempo determinato, cui si aggiungono gli incrementi di valore dei beni materiali non prodotti. Il capitale fisso è costituito da beni materiali o immateriali utilizzati più volte o continuamente nei processi di produzione per più di un anno. Le serie vengono elaborate e aggiornate, a livello sia nazionale sia regionale, sulla base delle versioni più recenti della classificazione delle attività economiche (Ateco 2007) e della classificazione dei prodotti associata alle attività (Cpa 2008).


Fonti

Istat, Conti economici regionali

Istat, Conti economici nazionali

Eurostat, National accounts

Pubblicazioni

Istat, Conti economici regionali - Anni 2010-2012, Comunicato stampa, 27 novembre 2013

Istat, Conti economici nazionali - Anni 2010-2012, Comunicato stampa, 3 ottobre 2013

Link utili

Istat/conti regionali

Istat/conti nazionali 

Eurostat/national accounts

 

 



Codice da incorporare

Clicca qui per selezionare il codice